Caso studio settore Mobili di design

FeelDesign: +150% di fatturato in 1 anno per un e-commerce di arredamento

FeelDesign: +150% di fatturato in 1 anno per un e-commerce di arredamento
Settore
Mobili di design
Canale di vendita
Online
Mercato
Nazionale

DESCRIZIONE AZIENDA

FeelDesign è uno online store che propone arredamento, illuminazione, piccoli elettrodomestici, high tech, articoli da viaggio e idee regalo.

Frutto della passione di un gruppo di persone impegnate nella ricerca e nella proposta di prodotti di qualità per il miglior vivere quotidiano, FeelDesign unisce le competenze maturate nell'ambito dell'arredamento e dell’elettronica di consumo all’esperienza nel perseguire la miglior gestione del servizio al cliente.

L’idea nasce dall’esperienza acquisita, nel corso degli anni, di uno dei soci nei canali tradizionali di vendita di elettrodomestici e arredamento (punti vendita e reti commerciali).

Feeldesign vende in tutta Italia
.

Ha un team interno dedicato alla progettazione di ambienti, degli interior designer e un responsabile IT interno.

I brand proposti sono italiani, di fascia media e si rivolgono a un pubblico trasversale.


SITUAZIONE DI PARTENZA: PROBLEMATICHE E OBIETTIVI

Dopo quasi 3 anni dal lancio dello store online (un progetto ben strutturato lato informatico e gestionale) e di investimenti in web marketing, il fatturato stava cominciando a calare drasticamente.

L’idea iniziale del cliente era quella di provare a
proporre il made in Italy anche sul mercato estero, cercando così di recuperare fatturato.

Ben presto ci siamo resi conto che le azioni fatte in precedenza dall’agenzia esterna a cui erano state affidate le attività di web marketing, erano senza criterio: i budget pubblicitari erano stati investiti in campagne che rendevano pochissimo e non c’era alcuna visione strategica. Inoltre il sito era seguito da un referente interno con alte skills tecniche, ma scarsa competenza lato marketing.

Di conseguenza sono stata coinvolta nel progetto perché il cliente desiderava capire se il modello di business fosse sano e valido o se - considerato il drastico calo - fosse meglio sospendere l’attività: era necessaria un’analisi approfondita e una revisione del business plan. 


STRATEGIA

In prima battuta, abbiamo cercato di capire in profondità il funzionamento del business e intervistato chi si occupava del contatto (anche telefonico) con il cliente finale, per cercare di capire meglio la tipologia di target di Feel Design.  

Successivamente abbiamo assegnato a un esperto in materia un’analisi del posizionamento su Google (naturale e a pagamento)
al fine di individuare quali azioni dovessero essere mantenute - per efficacia e ritorni - e quali, invece, sarebbe stato preferibile abbandonare perché non comportavano alcun ritorno (cioè rappresentavano solamente una perdita in termini di investimento).

Dovevamo trovare una strada per monetizzare velocemente e
capire se fosse possibile, in seconda battuta, investire in modo progressivo e continuativo.


Abbiamo quindi cercato di analizzare meglio sia il mercato di riferimento, sia il processo d’acquisto tipico del settore: grazie a report e indagini statistiche sul mercato Italia, è emerso che il comparto della vendita online di arredamento era in crescita e le abitudini di acquisto cambiate.
I clienti sono ancora influenzati dai canali offline (riviste di settore, pubblicità televisiva, ecc.) e si recano sul punto vendita per conoscere meglio il prodotto o per farsi fare delle proposte di acquisto (anche se poi la maggior parte finalizza la propria scelta online per comodità e, soprattutto, per il prezzo).

I player nel mercato online erano diversi e si proponevano con approcci e fasce di prezzo molto variegate.  

Dato che il catalogo di FeelDesign è caratterizzato da ottimi prezzi - dati i legami storici del titolare con i brand e le case pro
duttrici - abbiamo avviato una campagna di acquisizione di traffico a pagamento sul portale leader per la comparazione di prezzo online (TrovaPrezzi) e impostato delle campagne su Google Adwords per intercettare la domanda consapevole commerciale e di brand.

Sui comparatori abbiamo puntato soprattutto sul catalogo elettrodomestici e high-tech.

La presenza del brand sui comparatori di prezzo è stata impostata in modo continuativo e strategico e le politiche di prezzo in maniera estremamente dinamica; è stato anche programmato un software ad hoc per poter monitorare in tempo reale i prezzi dei competitor e adeguare le strategie di prezzo in modo capillare


RISULTATI

La crescita del fatturato annuale è stata del 150% in più rispetto all’anno precedente. In termini di ordini si è raggiunta una crescita del 118%.

Il ritorno sull’investimento pubblicitario delle campagne di Adwords
è stato, nel 2017, del 660% (ROAS), mentre su Trovaprezzi del 1768%.

Gli unici canali di acquisizione di traffico a pagamento hanno generato più della metà delle vendite e hanno permesso all’azienda di riprendere fiato, assumere personale e reinvestire in nuovi progetti.

Di conseguenza, l’azienda ha deciso di aprire dei siti verticali, specializzati in arredamento, illuminazione e tecnologia al fine di poter effettuare campagne ancora più specifiche e mirate e di seguire al meglio il percorso di acquisto del cliente (impostando anche un servizio personalizzato gratuito di progettazione).

Ora l’azienda è in grado di poter effettuare i corretti investimenti in web marketing e di avviare - nel tempo - politiche di fidelizzazione e azioni di cross selling sui clienti acquisiti.

Vuoi saperne di più su Gaia Provvedi, il Connection Manager che ha ottenuto questi risultati?

Guarda il profilo  

Opinione del cliente

Fabio Baldini
Amministratore presso I2W srl
Firenze (FI)
Ho conosciuto Gaia tramite la società che ci gestisce il software ed ho avuto subito un’ottima impressione.Quando abbiamo iniziato c’era solo la Feeldesign che vende mobili, illuminazione, casalingo ed elettrodomestici.Volevo incrementare in particolare il mobile ed ha fatto un’analisi molto dettagliata del settore e quale sarebbe stata la crescita di settore nel web.Abbiamo così iniziato a individuare quali erano le criticità e a valutare quali potevano essere i canali per avere visibilità. I risultati sono stati molto soddisfacenti permettendoci di diversificare i settori di riferimento su siti verticali che stiamo implementando.Abbiamo impostato l’invio periodico di Newsletter per i clienti acquisiti, fatto campagne ADV mirate, aggiornato le pagine di Facebook ed ora stiamo valutando l’inserimento di un ente certificato per le recensioni.Stiamo rifacendo tutte le “alberature” dei nuovi siti specializzati, che oggi sono diventati tre, in chiave SEO. Posso dire che è contornata da figure molto professionali, che la affiancano e che vengono da lei coordinate.È anche sempre pronta e disponibile a qualsiasi richiesta.

Gaia Provvedi


Gaia Provvedi
Titolare presso Gaia Provvedi
 4 recensioni
Italia Toscana Prato

Desideri contattare Gaia Provvedi?

Compila il modulo seguente.
Gaia Provvedi riceverà direttamente la tua richiesta e ti contatterà in tempi brevi.
 

Errore: